domenica 13 marzo 2011

Qui comincia l'avventura ...

Nel lontano 1987 (dopo il diploma all'istituto tecnico) iniziai a cimentarmi con la progettazione degli impianti elettrici, poi dopo la laurea intrapresi la strada del risparmio energetico.

In entrambe le situazioni ebbi l'aiuto ed il supporto di gentili colleghi che mi guidarono nei primi passi e senza di loro credo proprio che mi sarei perso nella ... jungla.
Adesso è arrivato il momento di fare altrettanto con chi si trova nella mia stessa situazione di allora e, con umiltà, cercare di dispensare "pillole di saggezza".

Con questo blog spero di poter disquisire con tecnici del mio settore, utenti/clienti, analizzare le nuove normative, criticarle, integrarle, risolvere problemi tecnici e ... varie ed eventuali (come si suol dire)

Con cordialità,  Simone Bracci

Studio Tecnico Bracci

18 commenti:

  1. Buongiorno, spero che mi possiate consigliare come utente, è vero che con il riscaldamento a pavimento si può risparmiare sulla boletta del gas rispetto ad avere i radiatori?
    Ma ci sono degli svantaggi?

    Le domande sarebbero tante ma iniziere da queste!
    Devo ristrutturare la nuova casa e non so cosa scegliere.
    Ringrazio in anticipo per le risposte,
    ciao, Emma.

    RispondiElimina
  2. Cara Emma, nella stragrande maggioranza dei casi, con i pannelli radianti a pavimento, si ottiene almeno (senza timore d'essere smentito) il 10% di risparmio sulla bolletta del gas (per il riscaldamento).
    Gli svantaggi derivano dal maggiore costo della fornitura e della posa in opera.
    Inoltre i pannelli radianti a pavimento non sono consigliabili nei casi in cui l'uso che si fa dell'abitazione è saltuario e per brevi periodi, ad esempio in una casa di vacanza dove si arriva il venerdi sera e si va via la domenica sera ... è consigliabile mettere i radiatori che riescono a portare in temperatura gli ambienti più velocemente e allo stesso tempo si "spengono" e raffreddano più rapidamente. Per le abitazioni con vani di grande altezza è invece quasi sempre conveniente installare i pannelli a pavimento, così come se si hanno grandi trombe di scala (fanno da camino e portano tutto il calore in alto, se ci sono i radiatori).
    Il risparmio che si ha con i pannelli radianti a pavimento è dovuto anche al fatto che si deve riscaldare l'acqua ad una temperatura più bassa rispetto alla temperatura a cui si dovrebbe scaldare se avessimo i termosifoni, questa bassa temperatura ci permette di sfruttare al meglio le caldaie a condensazione le quali hanno dei rendimenti altissimi se lavorano con acqua a bassa temperatura. L'altro motivo è che con i pannelli a pavimento si viene riscaldati prevalentemente per irraggiamento e non tanto dall'aria che ci circonda, il risultato è un maggiore benessere e la temperatura dell'aria che sta più bassa. Anche i moti convettivi (aria calda che circola in casa)sono ridotti nel caso dei pannelli a pavimento e quindi ci sono meno polveri che svolazzano in aria.

    Comunque ogni impianto fa caso a se, ma parlando di casi comuni non credo d'averti dato dei cattivi consigli.

    Con simpatia, Simone

    RispondiElimina
  3. salve ho 3 ventilconvettori 2 grandi termosifoni in alluminio sopradimensionati se vado a mettere una caldaia a condesazione potrò mettere la mandata a55 gradiin modo che condensa la caldaia.
    saluti .
    saverio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera, anche i ventilconvettori devono essere sovradimensionati per funzionare bene a 55°C ... altrimenti non hanno una potenza sufficiente.
      Se sono stati dimensionati a 70°C non ce la fanno a 55°C.

      Saluti,

      Simone Bracci

      Elimina
  4. grazie per la risposta,
    i ventilconvettori sono di 3.5kw non so se sono sopradimesionati
    saverio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i ventilconvettori uno e nel corridoio,2 sono in una sala di 40mq penso che siano sopradimensionati.

      saverio

      Elimina
  5. salve,devo mettere un climatizzatore locale cucinasala stanza lunga 8.50 larga 4m alta 3.15 quanti bit deve avere il climatizzatore.
    stanza non coibentata mure 40cm con mattoni esterno 21cm interni10cm.infissi nuovi di zecca in PVC 2 vetro.
    saluti.
    saverio

    RispondiElimina
  6. salve.ing.devo fare un cappotto termoisolante esterno.
    ho un problema pare finite ,esiste un metro di zzoccolatura in pietra e mi dispiace tanto demolirla perché abbellisce l'estetica,se la lascio e il cappotto parto dove finisce la zzoccolatura cosa succede? il cappotto perderà la sua funzione?
    grazie.
    saverio

    RispondiElimina
  7. salve.a riguardo ai cappotti termici esterni leggo in rete che i clienti prima non avevano muffa dopo la posa del cappotto e comparsa la muffa.
    lei lo consiglia il cappotto?
    Il fattore muffa sarà vero?
    dicono che le mure non respirano e quinti tutto il vapore creato da cucina docce e persone rimane in casa non a vento via di fuga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve,
      veramente con il cappotto ESTERNO le muffe dovrebbero sparire!
      Il cappotto deve essere traspirante. Quindi non deve avere nessuno strato impermeabile al vapore.

      Simone Bracci

      Elimina
  8. salve, ing.le chiedo una cosa con caldaia condensazione e impianto 3 ventilconvettori 2 termosifoni sopradimensionati di quando sarà il risparmio del metano.
    grazie.
    saverio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiede il risparmio se passa da caldaia normale a caldaia a condensazione?

      Elimina
    2. Prima deve verificare (in una invernata) a che temperatura di mandata potrà tenere i ventilconvettori ed i radiatori i modo che scaldino la casa. Se, per esempio, a 50°C riescono a scaldare la casa, allora avrà un risparmio di circa il 10%, se invece la temperatura minima indispensabile per fargli scaldare la casa nelle giornate fredde sarò di 70°C ... avrà un risparmio minimo ... 2/3 %. Poi se la caldaia normale fosse vecchia e malandata ... allora il risparmio sarà superiore comunque, il rendimento di una caldaia a condensazione nuova è certo maggiore di una caldaia normale vecchiotta.

      Simone Bracci

      Elimina
  9. salve ing.
    le chiedo un quesito ,lidraulico a posato un impianto per riscaldamento con tubbi multistrato non foderati con quaina.
    quinti avranno una dispersione termica questo inconveniente quanto influisce sui consumi.
    grazie.
    saverio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve,
      dipende dalla lunghezza dei tubi, se sono nella parte interna della casa disperderanno più verso l'interno e quindi il calore è recuperato, dipende dalla temperatura del liquido che trasportano, se si tratta di riscaldamento a pavimento la temperatura è sui 40 °C ... quindi disperde meno.
      Certamente non va bene non isolare i tubi!

      Simone Bracci

      Elimina
    2. grazie, della risposta la lunghezza sarà 5 6 metridal collettore ai termo.
      saverio

      Elimina
  10. salve, cortesemente vi chiedo un vostro prezioso consiglio devo fare il cappotto esterno casa piano terra anno di costruzione 1974.
    zona climatica D
    altitudine 850mslm.
    struttura cordoli,pilastri in cemento muri da 40cm con 10 cm cameradaria.
    quale spessore mi consigliate.
    grazie.
    saverio.

    RispondiElimina